+39 06 4885895     
Preparazioni galeniche: come nascono e cosa sono
Preparazioni galeniche: come nascono e cosa sono

Le preparazioni galeniche sono i medicinali realizzati direttamente dal farmacista all’interno del suo laboratorio, e costituiscono il vero cuore e l’anima della professione del farmacista anche se, al giorno d’oggi, troppo spesso questo aspetto del suo lavoro viene dimenticato.

Storia della Galenica
La Galenica è l’arte di preparare medicamenti a partire da droghe grezze, sostanze chimiche e ausiliarie, e le sue origini si perdono nella notte dei tempi.

L’etimologia della parola deriva dal nome del medico Galeno di Pergamo, vissuto fra il 130 e il 200 d.C., il cui lavoro ha influenzato l’arte medica fino al rinascimento.

Quest’arte si è tramandata e affinata per secoli, tramite gli speziali (gli antichi farmacisti) che nei loro laboratori raccoglievano e mixavano piante, rocce e acque in grado di guarire, lenire e alleviare dolori e infermit.

In particolare, la galenica subì una forte metamorfosi nell’800, allorquando il farmacista, sempre più consapevole delle proprie capacità e mezzi, iniziò a cercare di isolare nei suoi laboratori i principi attivi contenuti nelle varie piante, quelli a cui si doveva la loro azione. Grazie alla sua attività di distillazione, separazione degli elementi e sperimentazione si sono avute formidabili scoperte farmacologiche, come quelle del farmacista svedese Scheele che nel laboratorio della sua spezieria scoprì l’ossigeno, il manganese, il cloro, l’acido lattico e l’acido fosforico, di Serturner che nel 1804 scoprì la morfina e di Caventou e Pelletier che estrassero la chinina da una radice peruviana.

Grazie al lavoro dei farmacisti, che realizzavano sempre più farmaci in grado di soddisfare le aspettative del malato, anche la credibilità dei medici aumentò sempre più significativamente. Ciò portò i laboratori della Farmacia a produrre quantitativi sempre maggiori e variegati di prodotti, dai cosmetici ai farmaci per la cura di piccole e gravi patologie, portando alla nascita di piccole industrie farmaceutiche. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, però, le preparazioni mediche industriali iniziarono a diffondersi sempre di più, a scapito di quelle galeniche che negli anni ’60 subirono un forte crollo.

La Galenica Oggi
Negli ultimi anni, la realizzazione di preparazioni galeniche da parte del farmacista sta iniziando finalmente ad essere di nuovo rivalutata, questo perché il farmacista nel suo laboratorio può preparare prodotti dalle caratteristiche uniche, su misura per le specifiche necessità del paziente.

La qualità e la sicurezza dei farmaci sono le stesse dei prodotti industriali, perché per poter operare i laboratori galenici devono aderire a leggi ben precise, le cosiddette “Norme per la buona preparazione” contenute nella Farmacopea Ufficiale degli Stati membri dell’Unione Europea, che permettono di garantire altissima qualità, purezza, sicurezza ed efficacia dei farmaci preparati.

I preparati galenici si suddividono in due tipologie:

  • Preparati o formule magistrali, che sono prodotti realizzati dal farmacista sulla base di una specifica prescrizione medica destinata ad un particolare paziente. Si tratta di farmaci “su misura”, personalizzati.
  • Preparati o formule officinali, ossia prodotti realizzati dal farmacista seguendo le indicazioni della Farmacopea dell’Unione Europea e destinati ad essere dispensati direttamente ai pazienti. In base agli attivi contenuti possono essere commercializzati con o senza obbligo di ricetta.

Il prezzo di vendita di un preparato galenico è regolamentato da un apposito Tariffario Nazionale e, come i farmaci industriali, i farmaci galenici sono detraibili, a patto che ci si faccia rilasciare dalla farmacia lo scontrino fiscale parlante o la fattura.

© Farmacia Santa Chiara della Dr.ssa Gisella Colangelo e C. SAS - P.iva 05006251002
privacy / web agency