+39 06 4885895     
Perché l’alcol è così attraente per i più giovani
Perché l’alcol è così attraente per i più giovani

L’adolescenza è quel periodo caratterizzato da sconvolgimenti ormonali, fisici ed emotivi, quando si è tra l’essere bambini e lo star crescendo e diventando adulti.

In questo periodo della vita, per molti, è fondamentale essere parte di un gruppo e, spesso, imitarne le mode, anche quelle che non sono molto sane. Tra le cattive abitudini diffuse tra gli adolescenti vi è l’eccessivo consumo di alcol, il cui potenziale pericolo viene valutato solo quando ci si ritrova nel corso di un evento drammatico oppure quando ci si rende conto dei danni che questa sostanza ha creato al proprio corpo.

L’etanolo è una sostanza che crea dipendenza e, pur essendo capace di fornire energia, il suo abuso può causare malnutrizione, in quanto interferisce con l’assunzione e la biodisponibilità di altri nutrienti fondamentali, risultando una sostanza molto tossica per il nostro organismo.

L’eccessivo consumo di alcol ha, infatti, effetti dannosi su molti organi e tessuti, primo tra tutti il fegato, che può diventare grasso proprio a causa dell’alcol; esofago e stomaco sono coinvolti, con la comparsa di esofagite e gastrite, sia acute che croniche. L’alcol porta anche a vasodilatazione che, in ambienti freddi, può non far avvertire una perdita di calore da parte del corpo e portare ad ipotermia, cioè al raffreddamento eccessivo.

Educazione

Se i ragazzi crescono in una famiglia in cui si beve in moderatamente e nelle occasioni, per esempio per festeggiare un’occasione gioiosa, più difficilmente tenderanno ad associare il consumo di alcolici a comportamenti trasgressivi o ad utilizzarlo in modo scorretto e senza controllo. In ogni modo, che i genitori bevano o no, tra i messaggi educativi che si danno ai propri figli dovrebbe sempre essere presente un’adeguata conoscenza dell’alcol e delle bevande che lo contengono e la consapevolezza degli effetti negativi che un eventuale consumo eccessivo di alcol può provocare a se stessi e agli altri.

Il proibizionismo non serve a nulla

Cercare di convincere un adolescente a non eccedere con l’alcol attraverso la proibizione a consumarlo è inutile e controproducente. L’età adolescenziale è, infatti, di per sè caratterizzata da una tendenza alla critica e alla contestazione. L’unico modo per proteggere i giovani dai rischi degli eccessi da alcol, come da tutta una serie di comportamenti pericolosi, è creare in loro un’adeguata consapevolezza sulla differenza tra l’uso dell’alcol e l’abuso, e la conseguente capacità di autogestirsi.

Se hai dubbi o curiosità su questo argomento, contattaci, il nostro team di professionisti è a tua completa disposizione.

© Farmacia Santa Chiara della Dr.ssa Gisella Colangelo e C. SAS - P.iva 05006251002
privacy / web agency